“Eravamo in due a pedalare”: Kopecky vince dopo la morte del fratello

Il lutto, la gara, la vittoria. La Nokere Koerse non è stata una gara come le altre per Lotte Kopecky, la quale ha preso parte alla corsa dopo che la scorsa settimana è morto il suo fratello maggiore Seppe. Kopecky ha fatto quello che sa fare meglio. “Per me è stato molto meglio essere qui che a casa e non fare niente”.

Una vittoria che ricorda molto quella di Paolo Bettini a Il Lombardia, con la maglia di campione del mondo, quando trionfò pochi giorni dopo la perdita di suo fratello Sauro. L’azione di Kopecky è stata portata avanti in solitaria, nessuna è stata in grado di seguirl, e così ha tagliato il traguardo da sola, con la testa chinata, senza poter vedere trasparire emozioni dai suoi occhi, coperti dalle lenti scure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *