“Evenepoel a casa per le la poca professionalità del Giro”, è bufera

Clasica San Sebastian

E’ bufera attorno alle ultime dichiarazioni del medico della Soudal Quick-Step, che ha affermato: “Evenepoel è tornato a casa per le negligenze del Giro d’Italia”. Yvan Vanmol non è in Italia, ma ha rilasciato un’intervista telefonica all’emittente radiofonica belga Radio 1, nella quale ha parlato della necessità che ci possa essere un protocollo adeguato per fronteggiare la possibilità di contagio da Covid-19.

“Remco è tornato a casa per la poca professionalità del comitato organizzatore del Giro d’Italia – ha sentenziato Vanmol – e aveste visto cosa è successo i primi giorni… Una conferenza stampa in una stanza piccola, piena di gente: non è possibile”. In realtà, a onor del vero, bisogna ricordare che la conferenza stampa della vigilia è stata trasmessa in diretta Zoom, quindi in videoconferenza, dall’hotel della squadra. Le conferenze stampa si svolgono su un truck che trasmette le immagini in sala stampa: sono poche le persone che possono accedere al truck.

Non solo Evenepoel, anche Ganna sarebbe andato a casa per la poca professionalità del comitato organizzatore del Giro d’Italia, a detta di Vanmol: “Non dico che i contagi di Remco e Ganna si sarebbero potuti evitare, ma le possibilità che accadessero potevano essere ridotte. Questi problemi ci saranno anche al Tour e alla Vuelta in futuro: ci devono essere protocolli chiari”. Riguardo le condizioni di salute di Remco, il medico spiega che “ha solo un semplice raffreddore, ma tanto è bastato per metterlo fuori gioco”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *