Fiandre, identificata la persona che ha lanciato birra a van der Poel

birra poel fiandre

La polizia belga ha identificato l’individuo responsabile del lancio di birra contro Mathieu van der Poel durante il Giro delle Fiandre 2024. Sebbene l’identità del colpevole non sia stata resa pubblica, è confermato che saranno presi provvedimenti seri contro di lui, considerato che l’atto ha in parte offuscato l’atmosfera festosa della prestigiosa corsa belga.

Il Giro delle Fiandre, una delle classiche monumento più seguite, attira oltre un milione di spettatori lungo le strade. Questo numero impressionante evidenzia l’enorme partecipazione popolare, anche considerando le aree VIP predisposte lungo il percorso dove gli appassionati possono seguire la gara pagando un biglietto e spostarsi per vedere più volte i corridori.

Tuttavia, con una folla così numerosa, è difficile individuare episodi isolati come quello del lancio di birra a Mathieu van der Poel al Fiandre. Durante le competizioni ciclistiche, molti spettatori consumano bevande alcoliche e, in alcuni casi, possono perdere il controllo. È importante sottolineare che tali episodi sono sporadici, come nel caso della spettatrice che ha lanciato un cappellino verso la ruota posteriore di Mathieu van der Poel durante la Parigi-Roubaix. Anche se non ha causato danni, il corridore olandese avrebbe potuto incorrere in un grave guasto meccanico.

Le autorità belghe hanno preso seriamente l’accaduto, specialmente considerando l’importanza del Giro delle Fiandre per il popolo fiammingo e l’impatto negativo che episodi del genere possono avere sull’immagine della corsa. L’incidente è avvenuto sulla salita dell’Oude Kwaremont, un tratto di pavé affrontato tre volte dal gruppo. Flanders Classics, organizzatore della corsa, ha presentato denuncia e la polizia ha individuato il responsabile.

Joost Duhamel, che ha coordinato l’indagine, ha dichiarato: “A seguito del lancio di birra della scorsa settimana sull’Oude Kwaremont, una persona è già stata identificata. Sta per arrivargli una sanzione. Non si può andare avanti così. Prima si lancia la birra, poi un cappello alla Roubaix. Dove si andrà a finire? Dobbiamo porre dei limiti a questo comportamento. Se non puoi semplicemente tifare, resta a casa. L’incidente di domenica durante la Parigi-Roubaix dimostra chiaramente che dobbiamo agire. Quel comportamento deve fermarsi prima che vada dal male al peggio”.

Non è chiaro se verrà emesso un divieto di partecipazione ad altri eventi sportivi futuri, ma è probabile che venga inflitta una sanzione significativa, la cui natura sarà resa nota ufficialmente nei prossimi giorni. È possibile che la donna che ha lanciato il cappello su van der Poel riceva anch’essa una sanzione, mentre l’autore del lancio di birra è già stato punito.

Va ricordato che Mathieu van der Poel è stato oggetto di un episodio simile lo scorso anno durante una gara di ciclocross nei Paesi Bassi, quando diversi spettatori hanno lanciato dell’urina contro di lui. In quell’occasione, il campione del mondo ha reagito lanciando uno sputo contro gli autori dell’atto.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *