Giro 2024, Pellizzari: “Mio fratello mi aveva chiesto gli occhiali di Pogacar…”

Ha vent’anni ed è il corridore più giovane del Giro. Giulio Pellizzari non è riuscito a battere Tadej Pogacar, ma si è guadagnato i suoi occhiali dopo un numero impressionante e un gesto bellissimo nella tenda vicina al palco premiazioni. Il marchigiano della VF Group Bardiani CSF Faizané è scattato sulla lunga salita del Pinei, accompagnato da Scaroni e Costiou. Insieme hanno raggiunto e poi staccato Alaphilippe, e nel tratto più duro del Monte Pana Giulio ha provato l’azione solitaria. All’ultimo chilometro, però, è stato raggiunto e superato dalla maglia rosa.

Nelle ultime centinaia di metri anche Dani Martinez è riuscito a riprendere Pellizzari, ma il giovane ciclista ha trovato la forza di resistere in volata e ha tagliato il traguardo al secondo posto, a 16 secondi dal vincitore del Giro.

«Oggi mi sentivo bene sin dalla partenza – ha confessato Giulio Pellizzari al termine della corsa – ed è una grande soddisfazione, soprattutto perché solo cinque giorni fa ero più a casa che in gara. Avevo tosse, raffreddore, mal di gola ed ero… più di là che di qua. Ma grazie alla mia famiglia, a Massimiliano Gentili e a Leonardo Piepoli sono riuscito a rimanere in corsa e oggi ho vissuto una giornata bellissima».

Il ritiro dal Giro è stato a un passo: «All’undicesima tappa ho chiamato Massimiliano Gentili e gli ho detto “io torno a casa”, ma lui mi ha insegnato a non mollare e questo risultato è per lui». Con il cuore gonfio di sincerità, Pellizzari confessa: «Quando l’ho visto arrivare ho pensato “Bastardo, ancora…” ma è giusto così. Gli occhiali? Mio fratello ieri mi ha scritto “trova il modo di prendere gli occhiali a Pogacar” e così sono entrato nella tenda, glieli ho chiesti e mi ha regalato anche la maglia rosa. Auguro a Tadej tutto il meglio, è un grande, è il migliore della storia. Il mio Giro? È appena all’inizio…».

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *