Giro 2024, Pogacar: “Grande soddisfazione, i tifosi sono stupendi”

Pogacar Livigno

Nel secondo e ultimo giorno di riposo del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar ha espresso grande soddisfazione per la sua prestazione e per il supporto dei tifosi. Attualmente, il capitano della UAE Team Emirates è saldamente in testa alla classifica generale con un vantaggio di 6 minuti e 41 secondi su Geraint Thomas (Ineos Grenadiers), rafforzato dalla sua vittoria nella tappa di alta montagna con arrivo al Mottolino di Livigno.

Durante la conferenza stampa, Pogacar ha discusso delle aspettative per le ultime tappe del Giro, esprimendo preoccupazioni per il maltempo che potrebbe influenzare la tappa di domani. Ha anche parlato dei suoi programmi per il resto della stagione, compresi i preparativi per il Tour de France, e ha sottolineato il forte legame con i tifosi italiani e la preziosa collaborazione con i compagni di squadra.

Pogacar ha dichiarato: “Per la tappa di domani c’è ancora incertezza su come si svolgerà la gara, perché con il maltempo non sappiamo cosa succederà. Ma dovremo comunque sopravvivere come squadra. La tappa del Monte Grappa sarà una delle più dure, con due lunghe salite di fila e un finale in discesa che renderà la tappa bellissima. Ora abbiamo un buon vantaggio in classifica generale e cercheremo di mantenere un buon ritmo senza spendere troppe energie, sperando anche in condizioni meteo favorevoli.”

Pogacar ha evidenziato l’importanza del contributo della sua squadra e ha ringraziato i tifosi per il loro sostegno, considerandolo un elemento essenziale per il suo successo al Giro. “I tifosi sono la chiave per avere uno spettacolo come questo. Qui al Giro sto vedendo tifosi davvero stupendi, che urlano il mio nome per 200 chilometri a bordo strada. Ieri è stato folle anche sulla salita finale, i tifosi ti danno una motivazione extra e ti permettono di spingerti oltre il tuo limite.”

Anche ieri, al Mottolino, un gran numero di persone ha sostenuto i corridori lungo la salita finale, creando un’atmosfera entusiasmante. Guardando al futuro, Pogacar ha affermato: “Dopo il Giro, tra una settimana possiamo iniziare a concentrarci al 110% sul Tour de France. Voglio provare a mettere a segno la doppietta, e ora che il Giro d’Italia sembra essere in tasca, è necessario programmare nel dettaglio la preparazione verso la Grande Boucle.”

Pogacar ha descritto la sua vittoria al Mottolino come una delle migliori prestazioni in alta montagna della sua carriera, sottolineando l’ottima condizione fisica e le sensazioni positive in bicicletta. “È stata una delle mie tre migliori performance di sempre. Mi sono sentito bene in bicicletta, in una tappa lunghissima con tantissima salita. Senza i tifosi non ci sarebbe il ciclismo, io non sarei qui e non ci sarebbero i giornalisti sportivi. I tifosi sono essenziali per questo sport.”

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *