q Giro d'Italia 2024, Pogacar dopo Oropa: "Bello vincere, ma mancano ancora 19 tappe" - Ultimo Chilometro

Giro d’Italia 2024, Pogacar dopo Oropa: “Bello vincere, ma mancano ancora 19 tappe”

Pogacar Oropa

Tadej Pogacar ce l’ha fatta: alla seconda occasione, quella più adatta alle sue caratteristiche, è riuscito a conquistare la maglia rosa. Ieri a Torino aveva corso con il lutto al braccio per commemorare uno dei suoi ragazzi del Pogi Team, la sua formazione giovanile: un ragazzo ha infatti perso la vita in un incidente mortale in kayak. Stavolta, però, lo sloveno è riuscito nell’impresa ed entra nel novero dei corridori capace di vincere almeno una tappa in tutte e tre le grandi corse a tappe. Tutto questo, con il brivido della caduta dopo la foratura a circa 10 km dall’arrivo.

“Non ho avuto paura dopo la foratura – ha affermato Pogacar in conferenza stampa -dalla macchina mi hanno detto di arrivare fin dopo la curva per fare il cambio ruota ma il carbonio era arrivato a toccare l’asfalto, quindi sono finito a terra. Nulla di grave, è stata una botta di adrenalina”.

Nonostante abbia vinto a Oropa e abbia la maglia rosa sulle spalle già dopo la seconda tappa, Pogacar non appare sorridente in conferenza stampa: “E’ sempre bello vincere e conquistare la maglia di leader. Oggi poi è stato un vero piacere correre perchè l’atmosfera con i tifosi a bordo strada era eccezionale. Per me è ancora più bello perchè adesso rientro nel novero dei corridori che hanno vinto almeno una tappa in tutte e tre le grandi corse a tappe. Sono super felice, ma ci sono ancora 19 tappe da affrontare. Non posso dire di aver vinto il Giro d’Italia, bisogna arrivare fino alla fine”.

Tra gli avversari, Pogacar, dopo la tappa di Oropa, fa capire che teme molto Geraint Thomas. Il corridore gallese non ha risposto direttamente all’azione di Pogacar, ma lo sloveno mette le cose in chiaro: “Thomas è un cronoman molto forte e in questo Giro ci sono due prove contro il tempo. Lui gareggia spesso a cronometro, io lo faccio solo nelle grandi corse a tappe”. E negli ultimi anni il Tour non è stato proprio ricco di prove a cronometro. L’obiettivo sarà quello di “perdere il meno possibile nella tappa dello sterrato, poi dare il massimo nella cronometro. Ho già fatto la ricognizione delle due cronometro e in quelle circostanze bisognerà dare tutto”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *