Giro d’Italia, si sale verso Crans Montana

Primo importante test in salita per tutti coloro che ambiscono a vincere questa edizione del Giro d’Italia. Cancellata l’intera salita del Gran San Bernardo (i corridori transiteranno sotto il tunnel e non arriveranno in vetta), c’è molta curiosità di capire quali saranno i reali valori in campo in una frazione così impegnativa.

Si risale la Valle d’Aosta fino al capoluogo dove inizia la lunghissima ascesa al  San Bernardo (26km al 5.0%) al termine della quale la corsa percorre il traforo. Si corre su strade largheSi corre su strade larghe e ben pavimentate per la quasi totalità della tappa. Dopo il traforo si affronta una lunga discesa fino a Sembrancher (30 km) dove si devia verso Verbier e si scala l’inedita Croix de Cœur (15 km al 9% circa). Segue una discesa impegnativa la cui prima parte è a carreggiata ristretta, mentre la seconda larga e in ottimo stato è caratterizzata da 6 gallerie illuminate. Si percorre quindi la valle del Rodano (unico tratto perfettamente piatto della tappa) fino ai piedi della salita finale.


Salita finale (13 km al 7%) su strada ripida nella prima parte con numerosi tornanti. Seconda parte meno pendente fino agli ultimi chilometri con una lieve discesa che immette nel tratto finale. Rettilineo finale di 300 m in salita su asfalto largo 8 m.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *