La B&B Hotels chiude: tante chiacchiere e tutti a piedi

Era un’agonia che si era protratta decisamente a lungo, ma adesso è ufficialmente terminata: l’anno prossimo la B&B Hotels non sarà più Inn gruppo. La squadra francese, della quale fa parte anche l’italiano Luca Mozzato, aveva promesso la scorsa estate che il budget sarebbe aumentato grazie all’ingresso di nuovi investitori, e nel corso del finale di stagione il team aveva raggiunto degli accordi con corridori molto importanti, tra i quali spicca il nome di Mark Cavendish.

Senza contare, poi, il fatto che Jerome Piena aveva deciso di allestire anche una formazione femminile. Anche qui i nomi sarebbero stati tutti di primo piano, a cominciare dalla campionessa olimpica Anna Kiesenhofer, fino ad Audrey Gordon-Ragot e Chloe Digert. Insomma, tutto sembrava andare per il meglio, fino a che il nome della squadra non è scomparso dalle liste delle formazioni UCI che hanno richiesto la licenza per il prossimo anno.

Da qui è scattata tutta una messinscena da parte del team francese: a differenza di altre formazioni, che hanno lasciato i propri corridori liberi già ad agosto dopo aver saputo che c’erano difficoltà con gli sponsor, in questo caso si è atteso fino al 7 dicembre per dire a corridori e staff “ragazzi, non ce la facciamo: cercatevi un’altra sistemazione”. Come se fosse facile.

La domanda che ci si pone è: davvero era necessario arrivare fino ad oggi per comunicare una decisione che era nell’aria già da tante settimane, se non addirittura da mesi? Trovare un posto a dicembre, con le squadre World Tour che sono già tutte in Spagna per la preparazione invernale, non rende il compito semplice: anche accasarsi in una nuova Professional sarà molto complicato per tutti, visto che gli organici sono praticamente fatti. Per non parlare poi delle ragazze, alcune delle quali hanno lasciato team molto blasonati per sposare la causa della B&B Hotels.

Alla fine di tutta questa vicenda ci si domanda solo perchè non ci sia stata sufficiente chiarezza da parte della dirigenza. Ma a questa domanda non avremo mai risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *