Recidivo il camionista che ha investito Davide Rebellin

Il camionista che ha investito e ucciso Davide Rebellin mentre si stava allenando in bicicletta sarebbe un uomo di 50 anni perfettamente cosciente di ciò che stava accadendo al momento dell’impatto con il ciclista, in quanto subito dopo è sceso per poi risalire a bordo del mezzo, dandosi volontariamente e frettolosamente alla fuga.

Secondo quanto si apprende da varie fonti, l’uomo che ha investito Rebellin sarebbe un tedesco che lavora presso una ditta di spedizioni: attualmente è denunciato a piede libero in quanto in Germania non sussiste il reato di omicidio stradale. Il conducente dovrebbe tuttavia scontare la sua pena, nonostante in Germania no sia contemplata, in quanto esiste un mandato d’arresto europeo che verosimilmente la procura chiederà nei prossimi giorni.

Le forze dell’ordine sono riuscite a identificare il camionista grazie ad alcuni testimoni oculari dell’incidente mortale: alcuni di loro avrebbero infatti fotografato il camion. Su quest’uomo ci sono dei precedenti importanti: in passato aveva già patteggiato una pena per aver causato un incidente senza aver prestato soccorso alle persone coinvolte. Diversi anni dopo gli è stata ritirata la patente per guida in stato di ebrezza.

Il funerale di Rebellin è rinviato a data da destinarsi in quanto le autorità hanno disposto l’autopsia sul cadavere.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *