Uccise la ciclista Moriah Wilson, condannata a 90 anni di carcere

Anna Moriah Wilson

CyclingNews ha reso noto che Kaitlin Marie Armstrong è stata condannata a 90 anni di carcere per aver ucciso la ciclista Anna Moriah “Mo” Wilson. L’assassinio della ciclista risale all’11 maggio 2022, quando è stata uccisa con dei colpi d’arma da fuoco mentre era a casa del suo fidanzato, Colin Strickland, famoso per aver vinto molte gare Red Hook Criterium.

Ad inchiodare la Armstrong sono state le telecamere di sicurezza che erano presenti in casa. Poco prima della sentenza è stato proiettato il video ed è stato possibile ascoltare i tre colpi di pistola che hanno ucciso la Wilson. Il procuratore Rickey Jones ha spiegato che i primi due colpi hanno colpito Wilson alla testa e sono stati fatali, mentre il terzo proiettile è stato sparato all’altezza del cuore.

Secondo quanto si apprende, il movente dell’omicidio è stato passionale, dettato dalla gelosia nei confronti della Wilson, che aveva avuto una relazione con Strickland. Subito dopo l’assassinio, la Armstrong ha cercato di fuggire per il Costa Rica usando il passaporto della sorella. E’ stata però catturata e messa in stato di arresto dopo 43 giorni. Il processo è iniziato lo scorso 1 novembre e ieri è arrivata la condanna definitiva: dato che Kaitlin Marie Armstrong ha cercato di fuggire con un passaporto non suo, potrebbero aggiungersi altri 20 anni di pena oltre ai 90 che già le sono stati inflitti.

Ricordiamo che Moriah Wilson, uccisa all’età di 26 anni, è stata una ciclista molto apprezzata per il suo impegno sia nella mountain bike che nel Gravel. Importante è stato anche il suo impegno al fianco di aziende tecniche del settore come Specialized e Sram, per le quali è stata anche un’importante testimonial.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *