Volta Valenciana, confermata la morte di uno spettatore

Volta Valenciana morte spettatore

E’ stata confermata la morte di uno spettatore nel corso della frazione di ieri della Volta Valenciana. La notizia era nell’aria, ma è stata confermata dal comitato organizzatore solo al termine della frazione che si è svolta ieri.

La tappa di ieri, vinta da Brandon McNulty, si è chiusa sull’Alto del Miserat. L’organizzazione della Volta Valenciana non aveva parlato della morte di uno spettatore, ma aveva parlato solamente di “cause di forza maggiore” che avevano portato all’accorciamento della frazione. 15 km in meno e arrivo in salita: dopo il traguardo, i corridori sarebbero poi arrivati a quello che era il traguardo inizialmente previsto a velocità controllata, quindi fuori corsa, solo per raggiungere i bus che erano parcheggiati in quella zona.

Non sono chiare le dinamiche della morte dello spettatore alla Volta Valenciana. Si parla del fatto che molto probabilmente lo sfortunato appassionato era un cicloamatore che è stato investito da un mezzo. I fatti sono infatti accaduti prima del passaggio della corsa e precedentemente la chiusura delle strade.

Il tragico fatto ha spinto giustamente gli organizzatori a non far svolgere il cerimoniale di premiazione. Brandon McNulty, che ha vinto la tappa di ieri prendendosi la maglia di leader della classifica generale, sarà premiato questa mattina prima del foglio firma che precede la partenza dell’ultima frazione.

L’organizzazione della Volta a la Comunitat Valenciana ha reso noto anche che l’incidente è avvenuto proprio in prossimità del traguardo, inizialmente previsto a Vall d’Ebo. I soccorsi sono intervenuti con un elicottero e hanno cercato di rianimarlo, ma senza successo. “L’organizzazione si rammarica fortemente di questo triste evento ed esprime le sue condoglianze alla famiglia del defunto”, si legge sui social media della corsa spagnola.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *