q Amatori, 25 euro per il rinnovo del chip. E c'è qualche malumore - Ultimo Chilometro

Amatori, 25 euro per il rinnovo del chip. E c’è qualche malumore

Nei giorni scorsi abbiamo riportato sul nostro sito (fai click qui per rileggere l’articolo) la notizia dell’unificazione del chip di cronometraggio. Spieghiamo meglio a beneficio di coloro che non sono avvezzi a correre nelle granfondo di ciclismo amatoriale: ogni gara ha un proprio provider del sistema di cronometraggio, e generalmente prima di ogni gara il ciclista si informava su quale era il fornitore del cronometraggio e utilizzava il chip adatto per quel sistema. I quattro provider principali sono MySdam, KronoService, TDS e WinningTime.

Il funzionamento del chip è molto semplice: si attacca alla bici e nel momento del passaggio alla partenza e all’arrivo, oltre che ai tempi intermedi, viene preso il tempo di gara e si riesce a stilare una classifica. Ovviamente vi era anche la possibilità di noleggiare il chip per la singola gara.

Da ieri è entrato in vigore il cosiddetto chip unificato. In buona sostanza, chi è in possesso di un qualsiasi tipo di chip può pagare un rinnovo annuale e utilizzarlo per tutte le gare. Prima di questa “unificazione”, il rinnovo del chip costava intorno ai 15 euro per ogni singolo provider di cronometraggio, mentre adesso costa 25 euro.

Guardandola dal punto di vista dell’amatore che prende parte a tutte le corse, questo è sicuramente un risparmio. A sollevare diversi malumori sono stati però i ciclisti che corrono saltuariamente, che prendono parte anche ad alcune gare dove i chip non sono necessari, ma i tempi vengono presi manualmente.

Quel che è certo è che la comodità sicuramente si paga. A febbraio puoi posizionare il chip sulla bicicletta e non pensarci più fino a ottobre, una sorta di formula “senza pensieri”. E’ chiaro però che ad essere penalizzati sono i ciclisti che non corrono tutte le gare con il sistema di cronometraggio: queste manifestazioni sono presenti soprattutto nel fuoristrada, dove sono i giudici a prendere i tempi e le posizioni lungo la linea d’arrivo.

Come al solito è difficile accontentare tutti. Prima o poi si riuscirà a trovare la giusta soluzione.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *