Covid, al Tour de France torna l’obbligo delle mascherine

mascherine Tour de France

Gli organizzatori del Tour de France hanno elaborato un nuovo protocollo per prevenire il contagio da Covid-19 al fine di cercare di limitare il rischio di infezione all’interno del gruppo, con corridori, staff delle squadre e addetti ai lavori che indosseranno le mascherine. Ai corridori sarà vietato firmare autografi.

Le gare e le squadre sono obbligate a seguire il protocollo UCI che è stato redatto a gennaio, quando i casi di Covid-19 stavano diminuendo. Tuttavia, le tante positività al virus, tra le quali quella di Remco Evenepoel quando vestiva la maglia rosa, sembra aver fatto suonare il campanello d’allarme tra gli organizzatori.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, in un documento inviato alle squadre si legge: “Non avvicinatevi troppo agli spettatori – Distanziamento sociale, niente selfie, niente autografi. Per tutti i membri del team: Limita le interazioni al di fuori della bolla della gara. Non mangiare fuori. Rispetta il distanziamento sociale in hotel”.

“Non è un problema per me indossare la mascherina, visto che proteggiamo la nostra salute”, ha affermato il leader di Groupama-FDJ David Gaudu. “Preferisco indossare una maschera per il viso piuttosto che far prendere di nuovo il panico a tutti a causa della pandemia e vedere i ciclisti fuori dalla corsa a causa del Covid”.

Anche Julian Alaphilippe (Soudal-QuickStep) è favorevole al protocollo. Ha rivelato a l’Equipe che era l’unica persona che indossava la mascherina durante il volo verso la Francia centrale per partecipare al Criterium du Dauphine. “Sto ancora attento: potrebbe essere esagerato, ma dobbiamo rimanere vigili, preferisco le mascherine e non perdere il Tour de France”, ha affermato Alaphilippe al quotidiano sportivo francese. “Il ciclismo rimane l’unico sport dove hai tanti controlli: rovina un po’ la festa, ma dobbiamo farci l’abitudine. Per non restare a casa a luglio e buttare via tutti i sacrifici che abbiamo fatto, dobbiamo continuare a rimanere in una bolla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *