Doping, il verme che fa aumentare l’emoglobina fa tremare il ciclismo

verme doping

Si torna a parlare di doping: un verme che fa aumentare l’emoglobina sta facendo tremare il mondo del ciclismo e non solo. Chiamato Marina Arenicola, questo verme marino ha un’incredibile capacità di assorbire ossigeno, poiché trascorre molto tempo sepolto o sott’acqua, e il farmaco prodotto dalle sue molecole farebbe aumentare l’emoglobina di almeno 40 volte.

Un’indagine scientifica iniziata nel 2007 e discussa per la prima volta nel 2014, è stata seguita da un altro studio nel 2020. Quest’anno, durante il Tour de France, c’è stato un contatto tra un ciclista del Tour e il medico responsabile dell’indagine.

Secondo gli studi effettuati da Franck Zal, il quale da questo verme ha creato un farmaco non per scopi di doping, ovviamente, ma per scopi terapeutici, il verme riesce ad incorporare 40 volte più ossigeno con molecole 250 volte più piccole. Ma, nel caso in questione, l’assunzione di una sostanza illecita non è rilevabile nelle analisi a cui è stato sottoposto in diversi laboratori e presso l’Agenzia mondiale antidoping (WADA).

Nello sport si ritiene che venga utilizzato già da alcuni anni, soprattutto negli sciatori e nei ciclisti. Franck Zal ha però riconosciuto che i suoi farmaci sono stati richiesti da palestre e atleti di tutto il mondo. “Siamo stati contattati da persone che sanno che si tratta di doping. La molecola è quasi identica ai globuli rossi umani, quindi sono quasi impercettibili, soprattutto in microdosi”, ha affermato lo scienziato in alcune dichiarazioni a Radio Canada, a Toronto, durante la scorsa stagione.

La questione è tornata ad essere argomento di discussione dopo un articolo apparso sul quotidiano L’Equipe, in cui un ciclista che ha partecipato all’ultimo Tour de France si è rivolto a Zal, affermando di volere il suddetto prodotto. Da quel momento in poi, il ricercatore afferma di essere in contatto con l’AMA per sviluppare congiuntamente un test in grado di rilevare la sostanza.

“Abbiamo ricevuto diverse richieste dirette da atleti o palestre, che volevano sapere come ottenere la sostanza. A rendere le cose ancora più complicate, l’emoglobina in questione è una polvere e può essere nascosta più facilmente di una sacca di sangue e può durare anche circa cinque anni”, dice lo scienziato.

“In pratica si tratta di una medicina perfetta e diversi esperti se ne preoccupano da due anni, insistendo che bisogna modernizzare il passaporto biologico e che questa sostanza possa essere rilevata, ma soprattutto identificata attraverso i test antidoping in massimo quattro otto ore dall’ingestione perché altrimenti non rimane traccia e l’uso non è nemmeno rilevabile. Ho saputo anche del suo possibile utilizzo nei cavalli da corsa”, ha rivelato il medico.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *