Giro di commenti – applaudiamo la nostra giovane Italia

Diciamolo fin da oggi, alla vigilia della tappa del Monte Grappa: bisogna fare un bell’applauso alla giovane Italia in questo Giro d’Italia 2024. Rispetto agli anni passati, quando, a parte le vittorie di tappa c’era buio completo per gli azzurri, quest’anno stiamo scoprendo o riscoprendo tanti giovani corridori che potranno fare molto bene in futuro, oltre a tanti altri ragazzi che si sono confermati ad altissimo livello.

Tra le conferme, i due nomi più importanti sono quelli di Jonathan Milan e Filippo Ganna, ma da oggi inseriamo anche Andrea Vendrame. Cinque vittorie di tappa per i nostri tre ragazzi: un bel numero se si considera anche che Ganna è stato battuto a Perugia da Pogacar dopo un numero eccezionale, e altrettanto importante se pensiamo al fatto che Milan ha vinto tre sprint al cospetto di molti velocisti considerati tra i più forti al mondo.

La notizia più importante è però quella di vedere due corridori nella top-10 finale del Giro d’Italia 2024. La giovane Italia è qui rappresentata in primis da Antonio Tiberi, quinto, e Filippo Zana, nono. Pogacar è sicuramente inarrivabile, non solo dai nostri corridori ma anche da altri: quello che fa piacere è vedere la continuità di Tiberi e la crescita di Filippo Zana, che sta migliorando sempre di più dopo un avvio di Giro d’Italia 2024 non proprio perfetto. Sta attualmente sfiorando la top-10 anche Lorenzo Fortunato: su di lui si è parlato davvero molto e questa prima esperienza nel World Tour con l’Astana può davvero aiutarlo a crescere ulteriormente. Non dimentichiamo anche Giulio Pellizzari, secondo qualche giorno fa in una tappa nonostante abbia solo 20 anni, battuto solo da Pogacar.

Comunque vada domani sul Monte Grappa, applaudiamo quindi i nostri ragazzi. Sosteniamo la giovane Italia del ciclismo, nella speranza che qualcuno di loro riesca a togliersi delle grandi soddisfazioni in futuro.

Foto di Stefano Spalletta

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *