Giro di commenti – Provaci ancora, Antonio

Tiberi fiducioso Giro

Provaci ancora, Antonio. Se non fosse stato per Antonio Tiberi, adori, in otto tappe, nessuno avrebbe provato mai a mettere in difficoltà Tadej Pogacar. Per carità, è difficile immaginare, ad oggi, che lo sloveno possa non vincere il Giro d’Italia: sarebbe una follia e non lo pensiamo minimamente. Crediamo però che il coraggio di Antonio Tiberi debba essere quantomeno esaltato, perchè in un gruppo dove nessuno tenta di inventarsi qualcosa per provare a mettere in difficoltà la maglia rosa, un ragazzo di 22 anni quantomeno ci ha provato.

Forse serve proprio la sua gioventù, la sua spensieratezza, per provare a distanziare la maglia rosa. Riuscirci non è facile, perchè Tadej Pogacar sale a bocca chiusa in salita quando tutti gli altri hanno già il fiatone: però almeno così cerchiamo di avere un minimo di suspence, altrimenti sembra quasi di vedere un film già scritto.

Abbiamo elogiato Antonio Tiberi già al termine della cronometro di ieri e ora è sesto in classifica generale. lo stesso Tadej Pogacar lo ha detto: “Bisogna fare i complimenti a Tiberi perchè è stato l’unico che ha avuto il coraggio di attaccare. Non era semplice: sicuramente ha fatto una bella azione, ho molto rispetto per lui perchè so che è uno dei ragazzi più promettenti, uno dei giovani più interessanti che ci sono in gruppo”.

Al di là delle parole, crediamo a questo punto che Antonio debba ragionare per obiettivi: il primo potrebbe essere la conquista della maglia bianca di miglior giovane, che ora è distante solo 21 secondi. Poi si potrà pensare alla top-5. Il podio, ad oggi, potrebbe essere un grande obiettivo, molto difficile ma non impossibile: magari il fatto che il Giro d’Italia si chiuse a Roma, non lontano dalla sua località di origine, potrebbe essere la motivazione in più per spingersi ad andare ancora di più oltre i propri limiti.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *