Giro di Turchia 2024, van Poppel declassato: vince Lonardi

La terza tappa del Giro di Turchia 2024 è stata caratterizzata da un colpo di scena che ha portato alla vittoria di Giovanni Lonardi, corridore italiano del Team Polti-Kometa. Lonardi ha tagliato il traguardo secondo a Marmaris, ma è stato dichiarato vincitore dopo che la giuria ha declassato Danny van Poppel per un sprint irregolare. Questo successo ha anche consentito a Lonardi di mantenere la maglia di leader della classifica generale.

La tappa è stata impegnativa, con due salite brevi ma difficili nell’ultimo tratto da Fethiye a Marmaris. La salita finale, lunga 1,3 chilometri con una pendenza media del 7,3%, ha messo alla prova i corridori prima dei dodici chilometri finali. Diversi tentativi di attacco sono stati osservati già nei primi 25 chilometri, ma il gruppo è rimasto compatto fino a quando quattro corridori sono riusciti a staccarsi e a ottenere un vantaggio di oltre due minuti sul plotone.

Le squadre Alpecin-Pimapen e Bora-hansgrohe hanno lavorato duramente per ridurre il gap e, a 35 chilometri dal traguardo, il gruppo degli attaccanti è stato raggiunto. Tuttavia, Filippo Conca è riuscito a resistere e ha continuato il suo sforzo fino a quando è stato raggiunto da Samuele Zoccarato.

Nonostante diversi attacchi sulle ultime salite, la maggior parte dei velocisti è rimasta in testa per uno sprint finale. Nell’ultimo chilometro, l’Alpecin-Pimapen ha preso il controllo della situazione, ma van Poppel è riuscito a tagliare il traguardo per primo. Tuttavia, Lonardi ha protestato contro la manovra di van Poppel, sostenendo che il corridore olandese avesse deviato dalla sua linea. La giuria ha esaminato la situazione e ha concordato con Lonardi, declassando van Poppel e assegnando la vittoria a Lonardi.

Lonardi partirà domani con la maglia di leader nella quarta frazione del Giro di Turchia 2024, da Marmaris a Bodrum.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *