Giro d’Italia 2024, a Lucca arriva la fuga: sigillo di Benjamin Thomas

Benjamin Thomas Lucca

A Lucca arriva la fuga: la quinta tappa del Giro d’Italia 2024 viene conquistata di gran carriera da Benjamin Thomas, corridore francese del Team Cofidis. Il corridore francese stella della pista si è imposto superando il suo avversario Michael valorem, che era in fuga con lui: terza posizione per l’italiano Andrea Pietrobon, portacolori del Team Polti-Kometa, che nel finale ha lanciato una bellissima azione ma è stato ripreso a 100 metri dall’arrivo dal pistard transalpino. Chiude quarto Enzo palesi, che era in fuga con gli altri tre corridori, mentre la volata del gruppo viene regolata da Jonathan Milan.

La quinta frazione del Giro d’Italia 2024, 178 km da Genova a Lucca, è stata un susseguirsi di attacchi e contrattacchi nella prima parte di giornata. Mattia Bais (Polti-Kometa) e Lewis Askey (Groupama-FDJ) sono stati i primi attaccanti della giornata. Inizialmente hanno avuto Ewen Costiou (Arkéa-B&B Hotels) con loro, ma il francese si è poi staccato: in avanti, sui battistrada, si sono riportati Simon Geschke (Cofidis) e Manuele Tarozzi (VF Group-Bardiani CSF-Faizanè).

Nel gruppo, però, la Lidl-Trek, la Soudal Quick-Step e la Alpecin-Deceuninck hanno preso il controllo. I problemi sono nati sul Passo del Bracco, perchè diversi velocisti hanno avuto problemi a mantenere il ritmo fatto dalla Alpecin-Deceuninck, in particolare Fabio Jakobsen, che si è staccato. Anche Caleb Ewan e Tim Merlier hanno dovuto limitare i danni.

Dopo lo sprint intermedio di Ceprana, a 79 km dall’arrivo, nasce l’azione decisiva. Michael Valgren (EF Education-EasyPost), Benjamin Thomas (Cofidis), Enzo Paleni (Groupama-FDJ) e Andrea Pietrobon (Polti Kometa) si portano in testa alla corsa e arrivano ad affrontare la salita di Montemagno con un minuto di vantaggio sul plotone. Nei chilometri seguenti, però, il gruppo non riesce a recuperare: il cronometro dice sempre che i battistrada hanno circa 30 secondi di vantaggio, e così la situazione resta invariata fino alla fine.

All’ultimo chilometro, Andrea Pietrobon decide di provarci: poco dopo il triangolo rosso si lancia tutto solo verso l’arrivo con l’obiettivo di beffare tutti. Gli sono mancati solo 100 metri per regalare un successo storico al Team Polti-Kometa: ad imporsi, alla fine, è stato Benjamin Thomas, che ha fatto valere la propria esperienza e le proprie doti da pistard. Il corridore francese ha regalato un trionfo molto pesante alla Cofidis, che sta cercando punti UCI per rimanere nel World Tour: si tratta quindi di ossigeno per la formazione diretta da Roberto Damiani.

La volata dei battuti viene regolata da Jonathan Milan, che chiude così in quinta posizione. Resta tutto invariato in classifica generale alla vigilia della tappa dello sterrato, la Viareggio-Rapolano Terme che si svolgerà domani. Tadej Pogacar conserva la maglia rosa con 46″ di vantaggio su Geraint Thomas.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *