Giro Donne, Van Vleuten: “Voglio portare la maglia rosa fino alla fine”

Annemiek Van Vleuten (Movistar Team) regala grande spettacolo al numeroso pubblico presente al traguardo di Marradi (FI) dove è arrivata in solitaria. La campionessa del mondo ha fatto la differenza sul passo della Colla dove ha staccato tutte le avversarie.

La corsa è partita questa mattina alle 11.50 da Bagno a Ripoli ed ha attraversato tutta la provincia di Firenze. Dopo i primi 55 chilometri relativamente pianeggianti, la strada ha iniziato leggermente a salire in corrispondenza del traguardo volante di Borgo San Lorenzo. Il vero punto chiave della frazione è stato il Passo Della Colla, una salita di seconda categoria lunga 16 km e con scollinamento a 16 km dal traguardo.

Le prime fasi di gara sono stati caratterizzati dall’attacco di Noemi Eremita (Junior Team Piemonte) che è stata raggiunta dal gruppo dopo pochi chilometri. Il vero attacco di giornata è stato messo a segno da Irene Mendez (Bizkaia Durango) e Susanne Andersen (Uno X Pro Cycling Team) a cui hanno provato a contrattaccare Beatrice Pozzobon (Team Mendelspeck) e Giorgia Bariani (Top Girls Fassa Bortolo) senza mai riuscire a raggiungere la testa della corsa. Il traguardo volante è stato vinto da Susanne Andersen.

Il Gruppo si è ricompattato ai piedi del Passo della Colla dove fin da subito Annemiek Van Vleuten ha fatto la differenza. La fuoriclasse olandese è transitata per prima sul gpm e poi si è lanciata in discesa seguita da Marta Cavalli (FDJ Suez) e Gaia Realini (Lidl Trek). Proprio in discesa il gruppo si è ricompattato mentre la campionessa del mondo è arrivata solitaria al traguardo. La volata del gruppo è stata poi vinta dalla danese Cecilie Uttrup Ludwig (Fdj Suez) su Juliette Labous (Team Dsm Firmenich).

Le parole della vincitrice della seconda tappa e maglia rosa Annemiek Van Vleuten: “Oggi è un giorno particolarmente speciale perché è la mia centesima vittoria in carriera, è bellissimo aver raggiunto questo traguardo proprio in Italia e al Giro che è la mia corsa preferita. Nelle settimane scorse ho lavorato duramente a Livigno e non sapevo come avrebbero risposto le mie gambe, ma in salita mi sono sentita bene e ho provato ad attaccare. Sinceramente non mi aspettavo di fare così tanto la differenza, ho provato nel tratto più dure e credevo che altre atlete sarebbero rimaste sulla mia ruota invece ho guadagnato un buon margine, in discesa non ho dovuto fare altro che mantenerlo. Da questo momento la strada è tutta in salita perchè l’obiettivo è portare la maglia rosa fino alla fine”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *