L’UAE Team Emirates si affida all’intelligenza artificiale

La UAE Team Emirates ha deciso di affidarsi all’intelligenza artificiale. Il team di Tadej Pogačar spera che un’analisi approfondita dei big data possa fornire nuove informazioni sulle possibili prestazioni dei propri corridori. L’obiettivo più grande? Vincere il Tour de France.

“Nei prossimi anni ci sarà sicuramente una svolta attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale”, ha affermato il coordinatore delle prestazioni Jeroen Swart in una conversazione con Velo.

“Stiamo ora lavorando con un partner AI per vagliare grandi quantità di formazione, dati sulle prestazioni e altre variabili che possiamo inserire e rivedere. Osserviamo il protocollo di allenamento, le selezioni delle gare e molto altro ancora. Non è certo cosa ciò comporterà, ma il team vuole scoprire cosa è possibile. “Potrebbe non produrre molto, ma investire nell’intelligenza artificiale potrebbe mostrarci il prossimo passo avanti”, ha affermato Swart.

Non tutti sono contenti dell’arrivo della tecnologia di analisi nel mondo del ciclismo come avviene alla UAE Team Emirates con l’intelligenza artificiale. Ciò vale, per esempio, per Romain Bardet. In un’intervista a Eurosport, il francese ha detto che vede il fascino di questo sport sparire. “Penso che una volta ci fosse un elemento umano più grande. Mi è sempre piaciuta la parte da autodidatta del ciclismo. Questa parte è praticamente scomparsa dalla pianificazione e dalla formazione. Ho la sensazione che stiamo diventando sempre più interpreti”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *