Parigi-Roubaix 2024, van der Poel: “Squadra più forte dell’anno scorso”

Poel Roubaix 2024

Mathieu van der Poel ha scritto un’altra pagina di storia nella sua carriera, aggiudicandosi la Parigi-Roubaix 2024, la sesta classica monumento conquistata fino a ora. Il suo palmares è diventato incredibilmente impressionante nel corso degli anni, includendo una Milano-Sanremo, tre Giri delle Fiandre, due Parigi-Roubaix e un campionato del mondo su strada. Se consideriamo anche il ciclocross, l’elenco delle sue vittorie diventa ancora più lungo e illustre.

Il campione del mondo in carica sembra essere immune alla cosiddetta “maledizione della maglia iridata”, che ha afflitto molti corridori in passato. Spesso, i vincitori del campionato del mondo non riescono a ottenere risultati significativi nell’anno in cui indossano la maglia arcobaleno. Tuttavia, van der Poel ha dimostrato di essere al di sopra di questa superstizione. Nemmeno un incidente potenzialmente grave, causato da un cappellino lanciato da uno spettatore sulla sua ruota posteriore, è riuscito a scalfire la sua determinazione. La settimana precedente, ha resistito anche ai lanci di birra, episodi isolati che non dovrebbero oscurare l’atmosfera festosa del ciclismo durante il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix.

Per il secondo anno consecutivo, van der Poel ha condiviso il podio con un compagno di squadra della Alpecin-Deceuninck, questa volta con Jasper Philipsen al secondo posto. Entrambi hanno conquistato le prime tre classiche monumento della stagione, con Philipsen vincitore della Sanremo e van der Poel trionfatore per la terza volta consecutiva al Giro delle Fiandre e per la seconda volta consecutiva alla Parigi-Roubaix. Dal 2013, nessun corridore è riuscito a vincere entrambe le corse delle pietre nello stesso anno, un’impresa che van der Poel ha replicato dopo Fabian Cancellara.

Dopo la vittoria epica alla Parigi-Roubaix 2024, van der Poel si prepara ora per l’Amstel Gold Race in patria, seguita dalla Liegi-Bastogne-Liegi, una classica meno adatta alle sue caratteristiche. Tuttavia, è giusto dedicare del tempo per celebrare questa storica vittoria non solo per lui, ma per l’intera squadra. Durante la conferenza stampa dopo la gara, van der Poel ha espresso la sua gratitudine verso i suoi compagni di squadra e la gioia di aver potuto trasformare il loro lavoro in un’altra vittoria.

“Con la squadra, siamo stati ancora più forti dell’anno scorso. Sono molto orgoglioso dei ragazzi e molto felice di concretizzare il loro lavoro. Oggi mi sono sentito super bene. Quando ho avuto una possibilità, ho cercato di sfruttarla fino alla fine. Ho avuto una giornata molto buona. Certo, alla Roubaix non puoi mai dire di aver vinto fino a che non hai tagliato il traguardo: una gomma a terra può sempre capitare, ma è anche vero che avevo un gran bel vantaggio rispetto agli avversari. Nel finale ho potuto davvero godermi il momento, più della scorsa settimana al Fiandre, perchè domenica scorsa ero davvero al mio limite, ma oggi mi sono sentito davvero incredibile. Vincere con la maglia di campione del mondo è bellissimo, non avrei avuto nemmeno il coraggio di sognarlo da bambino. Ero super motivato per quest’anno, ma sono andato al di là delle aspettative”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *