“Parole denigratorie sulle donne”, l’UCI multa Lefevere di 20.000 franchi

Lefevere multa

Patrick Lefevere è stato multato per 20.000 franchi dall’Unione Ciclisitica Internazionale (UCI) in seguito ad alcune “parole denigratorie sulle donne”, rilasciate pubblicamente. “A seguito di un rapporto sul signor Patrick Lefevere, direttore generale dell’UCI WorldTeam Soudal Quick-Step, per le dichiarazioni pubbliche considerate denigratorie nei confronti delle donne, la Commissione Etica dell’UCI ha confermato che in due casi sono state commesse violazioni dell’articolo 5 e 6.1 del Codice Etico”, viene riportato in un comunicato.

L’UCI chiede a Lefevere di rilasciare una dichiarazione pubblica in cui riconosce che le sue dichiarazioni erano inappropriate e in cui si scusa. Se non lo fa, Lefevere riceverà una multa di 20.000 franchi svizzeri. Se si scusa pubblicamente e non è colpevole di una violazione simile del Codice Etico dell’UCI nei prossimi tre anni, la multa sarà sospesa.

Non è stato specificato quali siano le dichiarazioni incriminate. In passato, Lefevere ha avuto delle uscite sicuramente poco felici riguardo la formazione femminile da lui diretta (Ag Insurance) e anche nei confronti di Sam Bennett, quando ha affermato che “tornare alla Bora-hansgrohe dopo aver corso due anni con noi è come la donna che torna a casa dopo essere stata picchiata dal marito violento”. Ma, come abbiamo sottolineato, non sappiamo a quale dichiarazione faccia riferimento l’UCI per la multa a Lefevere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *