Pedersen: “Sono cresciuto molto e il team mi dà fiducia”

Mads Pedersen rifiuta l’idea che le sue vittorie siano frutto di fortuna: “Sono cresciuto molto, il team mi dà fiducia. Non vinco per fortuna, credo di fornire anno dopo anno prestazioni sempre migliori”. Era il grande favorito della vigilia a Napoli, e il danese non ha deluso le aspettative. Ma ha dovuto faticare molto: “In testa c’erano dei corridori davvero forti, il fatto che abbiamo ripreso Clarke e De Marchi solo negli ultimi metri fa capire quanto credessero davvero di riuscire a vincere. In gruppo non c’era molta organizzazione, alla fine siamo però riusciti a giocarci tutto in volata”. 

Nella conferenza stampa post-gara, il danese della Trek-Segafredo ammette che durante la gara di oggi ha avuto anche un po’ di tempo per godersi il panorama: “In corsa andiamo sempre a tutta, ma non è stato difficile notare che la zona della Costiera Amalfitana ha un paesaggio bellissimo. La strada non era perfetta ma non è pensabile che 3000 km di corsa siano asfaltati perfettamente”. 

Pedersen sono cresciuto

La squadra, in questo Giro d’Italia, è costruita tutta intorno a Pedersen: “Sono cresciuto, lo ripeto, e voglio dimostrare di saper vincere le classiche. Quest’anno ho ottenuto molti piazzamenti, ho vissuto una primavera intensa, e ora sto affrontando il Giro d’Italia con l’obiettivo di fare bene giorno dopo giorno. Non posso fare altro che ringraziare la Trek-Segafredo per la fiducia nei miei confronti. In futuro, il mio grande obiettivo è quello di vincere la Parigi-Roubaix, una corsa con la quale ho un rapporto di amore e odio”. In questa stagione, Pedersen ha ottenuto il sesto posto alla Milano-Sanremo, ha chiuso terzo il Giro delle Fiandre e quarto la Parigi-Roubaix. Una primavera molto dispendiosa prima di avvicinarsi al Giro d’Italia.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *