Pogacar: “Lo scorso anno ho fatto molti attacchi stupidi, ora corro con la testa”

giro tour pogacar

Nel secondo giorno di riposo del Tour de France, Tadej Pogacar ha tenuto la solita conferenza stampa on line per rispondere alle domande dei giornalisti. Pochi minuti nei quali il corridore della UAE Team Emirates ha messo in chiaro un po’ di concetti.

Prima di tutto, il distacco in classifica generale da Jonas Vingegaard, maglia gialla di questa edizione del Tour de France:”Alla partenza da Bilbao ci avrei messo la firma per avere questo distacco da lui. Il nostro è un bel dualismo, aiuta a crescere noi stessi e anche le nostre rispettive formazioni. Lo scorso anno ho attaccato molto di più, ho fatto anche degli attacchi stupidi. Quest’anno, grazie anche ai miei compagni sto affrontando la gara in maniera diversa, corro di più con la testa”.

Domani ci sarà l’unica cronometro di questa edizione della Grande Boucle: “Affrontare questa corsa senza gare di preparazione e solo con l’allenamento non è semplice, ma per ora le gambe girano, quindi direi che va bene così. Domani sarà un’altra giornata full gas ma mercoledì ci sarà quella che secondo me è la tappa più complicata di questo Tour de France”. Nella giornata di mercoledì il gruppo sfiorerà i 2000 metri sul Cormet de Roselend e li supererà in occasione del Col de la Loze. Lo scorso anno, Pogacar è andato in crisi proprio nelle tappe dove si superavano i duemila metri di quota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *