Roglic vince il Delfinato 2024 per soli 8 secondi

Matteo Jorgenson ha sfiorato la vittoria nell’ultima tappa del Giro del Delfinato 2024, con un arrivo in salita al Plateau des Glières. L’americano ha chiuso al secondo posto dietro a Carlos Rodriguez (Ineos Grenadiers), avvicinandosi a togliere la Maglia Gialla a Primoz Roglic (Bora-hansgrohe). Roglic ha faticato negli ultimi cinque chilometri, giungendo al traguardo con 48 secondi di ritardo e mantenendo il primato per soli 8 secondi. Terzo è stato Derek Gee (Israel-Premier Tech), che ha confermato il terzo posto nella generale a 36 secondi, mentre Giulio Ciccone (Lidl-Trek), settimo di giornata, ha concluso ottavo nella classifica finale.

La tappa è stata segnata da numerosi ritiri, tra cui Sepp Kuss (Team Visma | Lease A Bike) e Ryan Gibbons (Lidl-Trek). Fin dal chilometro zero, il gruppo ha iniziato a lottare, mettendo in difficoltà alcuni corridori. Una prima fuga significativa ha visto protagonisti Bart Lemmen (Team Visma | Lease A Bike), Nils Politt e Marc Soler (UAE Team Emirates), ma è stata prontamente annullata. Matteo Sobrero (Bora-Hansgrohe), Mikel Landa (Soudal Quick-Step), Jack Haig (Bahrain Victorious) e altri si sono avvicinati rapidamente, vanificando gli sforzi dei fuggitivi.

Durante la salita, nuovi attacchi hanno portato Bart Lemmen, Marc Soler, Sean Quinn (EF Education EasyPost) e Lorenzo Fortunato (Astana Qazaqstan Team) a guadagnare una dozzina di secondi. Bruno Armirail (Decathlon Ag2r La Mondiale Team), David Gaudu (Groupama-FDJ), Omar Fraile (INEOS Grenadiers), Guillaume Martin (Cofidis) ed Eduardo Sepulveda (Lotto Dstny) si sono mossi dietro di loro, seguiti da Tim Wellens (UAE Team Emirates) e Nicolas Prodhomme (Decathlon Ag2r La Mondiale Team). Dopo il GPM, il gruppo ha concesso un ritardo di oltre un minuto, con Bora-hansgrohe che ha tenuto sotto controllo i fuggitivi.

Avvicinandosi al terzo GPM, Bora-hansgrohe ha concesso ulteriore margine, costringendo Ineos Grenadiers a intervenire. La squadra britannica ha preso in mano l’inseguimento, riducendo il gruppo a una trentina di unità. In cima alla salita, il gruppo si è avvicinato a 2 minuti e 15 secondi, per poi ridurre ulteriormente il gap nella discesa. Fortunato e Prodhomme sono stati ripresi e il gruppo ha mantenuto un distacco di 2 minuti e 15 secondi in pianura.

Nella fase finale del Delfinato 2024, Mads Pedersen (Lidl-Trek) ha aumentato il ritmo, riducendo il gap a 30 secondi ai piedi della salita. In testa sono rimasti solo Martin e Quinn. Tiesj Benoot (Team Visma | Lease A Bike) ha alzato il ritmo e, negli ultimi otto chilometri, Giulio Ciccone ha attaccato, riprendendo e staccando Martin e Quinn. Laurens De Plus (Ineos Grenadiers) ha aumentato il ritmo, portando con sé Rodriguez, Roglic, Jorgenson, Gee, Buitrago, Lazkano e Evenepoel. Negli ultimi 5000 metri, Rodriguez ha attaccato, seguito da De Plus e Jorgenson, con Gee e Buitrago che si sono uniti poco dopo. Roglic ha faticato a mantenere il ritmo, arrivando con un ritardo di 48 secondi e salvando la Maglia Gialla per soli 8 secondi.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *