San Juan, Evenepoel: “Persone in strada all’ultimo chilometro”

La prima tappa della Vuelta San Juan, che si è conclusa con la vittoria di Sam Bennett, è destinata a lasciare qualche strascico polemico in gruppo. La Soudal-QuickStep, attraverso la voce del campione del mondo Remco Evenepoel, ha infatti parlato di finale eccessivamente pericoloso.

Tutto nasce dal fatto che all’ultimo chilometro Fabio Jakobsen e altri corridori si sono ritrovati sul lato sbagliato della strada. In quel momento il velocista della squadra di Patrick Lefevre era alla ruota del campione del mondo e i due hanno perso 20-25 posizioni.

“È stato caotico e pericoloso – ha dichiarato Evenepoel – Credo di aver quasi colpito una donna. Come ha dichiarato Michael Mørkøv, non dovrebbe essere consentito che ci sia un tratto aperto a 1,2 chilometri dal traguardo, dove non sai dove andare e dove le persone stanno ancora attraversando. E’ stato un ultimo chilometro inaccettabile”.

La Soudal-QuickStep porta a casa il secondo posto di Mørkøv, che ha chiuso davanti a Giacomo Nizzolo. Tra gli azzurri vi è da segnalare anche il sesto posto di Elia Viviani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *