Tour de France, vittoria di Pedersen a Limoges

Mads Pedersen riesce ad interrompere il dominio di Jasper Philipsen nelle volate. Il corridore della Lidl-Trek si è imposto nella tappa di Limoges davanti al corridore della Alpecin-Deceuninck, che continua a mantenere la maglia verde, e Wout Van Aert, che ottiene la terza posizione. La giornata è stata caratterizzata anche dal ritiro di Mark Cavendish, per una sospetta frattura della clavicola.

La caduta del velocista britannico è arrivata a 60 km dall’arrivo. La parte finale della frazione di Limoges è stata infatti caratterizzata da tanti piccoli saliscendi e alcune squadre hanno aumentato il ritmo per cercare di far fuori gli sprinter puri. Cavendish in quel momento si trovava nella seconda parte del gruppo e fin da subito si è capito che molto probabilmente aveva riportato un problema alla clavicola. Il velocista britannico lascia così anzitempo il Tour de France nel suo ultimo anno da professionista, lui che era venuto con l’obiettivo di superare il numero di 34 vittorie, record che detiene insieme ad Eddy Merckx.

Nel finale di tappa la Jumbo-Visma e la Alpecin-Deceuninck hanno imposto un ritmo infernale, così come la Lidl-Trek, che è andata a conquistare un vero e proprio successo di squadra. All’ultimo chilometro è stata la squadra di Van Aert a scandire il ritmo davanti, ma Cristophe Laporte, ultimo uomo del belga, ha involontariamente chiuso la strada al suo capitano in quanto, nel momento in cui doveva togliersi dalla testa, è stato sorpassato a destra e a sinistra dai suoi avversari.

Van Aert ha provato una rimonta quasi disperata, così come Jasper Philipsen, che si è fatto sorprendere dal campione del mondo di Harrogate 2019. Dopo la vittoria nella tappa di Napoli del Giro d’Italia, Pedersen va quindi a prendersi anche un successo al Tour de France. Negli ultimi chilometri finiscono a terra anche Mikel Landa e Simon Yates, che perdono 46 secondi.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *