Ufficiale: rescisso il contratto tra Antonio Tiberi e Trek-Segafredo

Attraverso un breve comunicato, la Trek-Segafredo ha reso noto che Antonio Tiberi non fa più parte della squadra. Riportiamo di seguito la comunicazione rilasciata dal team americano: “Trek-Segafredo e Antonio Tiberi hanno concordato reciprocamente di separarsi, con effetto immediato, dopo che le azioni del corridore durante la sua sospensione non hanno soddisfatto i nostri criteri per un ritorno alle competizioni. Con il contratto del corridore ora risolto, è libero di firmare con un’altra squadra. Al momento non verranno rilasciati ulteriori commenti”.

Riavvolgiamo il nastro: Antonio Tiberi è stato sospeso dalla Trek-Segafredo in seguito alla condanna, da parte dello stato di San Marino, inflitta per aver ucciso un gatto con una pistola a salve. La squadra aveva rifilato al corridore laziale un periodo di sospensione dalle corse, ma dal giorno della sospensione Tiberi non è mai più stato convocato per alcuna corsa.

Risoluzione contrattuale

La risoluzione contrattuale tra la Trek-Segafredo e Antonio Tiberi era nell’aria. La sede di Segafredo Zanetti è stata presa d’assalto dagli animalisti e in generale il ritorno di immagine da questa vicenda è stato tutt’altro che positivo sia per la squadra che per gli sponsor. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata l’intervista rilasciata a Le Iene, visto che la squadra aveva chiesto a Tiberi di non parlare pubblicamente di quanto accaduto.

Secondo le voci di mercato più recenti, Antonio Tiberi, campione del mondo a cronometro nella categoria Juniores, dovrebbe approdare alla Bahrain-Victorious. Non è da esacludere che al Giro di Svizzera il corridore laziale possa tornare di nuovo in gruppo

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *