Un solo scettro, ma due re: che spettacolo!

Che spettacolo, signore e signori. Mathieu van der Poel e Wout van Aert sono i veri signori del fango, i signori del ciclocross. Due corridori diversi tra di loro, che ci stanno regalando la rivalità più bella dell’ultimo decennio. Per uno come me, cresciuto a pane e ciclocross, vedere quei due corridori darsele di santa ragione (sportivamente parlando) davanti a 40.000 persone, è la pubblicità più bella che il ciclocross possa avere.

La loro rivalità, infatti, è ormai ufficiale anche su strada, già da diversi anni. Ricordate il Fiandre 2020, il primo vinto da VDP, corso in ottobre? Nel finale di gara c’erano solo loro due, insieme a Julian Alaphilippe, fatto (purtroppo) fuori da una moto. Ma anche prima di quell’episodio Van der Poel e Van Aert avevano regalato grande spettacolo anche su strada. In estate o in inverno, insomma, i veri protagonisti sono sempre loro, ed è questa la cosa più bella.

Nel corso degli ultimi anni stiamo vedendo che i corridori sono ormai diventati sempre meno “stagionali”: se dieci anni fa era impensabile che un corridore da corse a tappe si potesse mettere in gioco nelle corse di un giorno, adesso questi due ragazzi fanno tutto. Si divertono nel fango, vanno a correre da protagonisti le classiche e poi entrambi si sono tolti la soddisfazione di vestire la maglia gialla al Tour de France, l’olandese nel 2021, il belga nel 2022.

E’ chiaro e palese che i due siano corridori molto diversi, sotto ogni punto di vista. Van Aert è sempre molto sorridente (stasera lo sarà un po’ meno), Van der Poel ha sempre lo sguardo concentrato. Van Aert è un grande regolarità, ma spesso, quando arriva da grande favorito ai grandi appuntamenti, non riesce sempre ad essere incisivo, come accaduto ai mondiali su strada del 2021. Van der Poel, invece, è un po’ meno regolarità, ma è capace di tirare fuori dal cilindro il colpo magico quando meno te lo aspetti.

I signori del fango sono loro, e forse è anche per questo riconoscimento indiretto della loro superiorità che l’ex campione uscente Tom Pidcock ha deciso di rinunciare alla corsa iridata. A torto, perchè un mondiale va sempre onorato. E tanti si domandano già: “Per quanto può durare la loro egemonia sul ciclocross?”. Già, perchè ad oggi è impossibile immaginare le gare di ciclocross senza Van der Poel e Van Aert. I due corridori che hanno reinventato la disciplina, e che stanno scrivendo pagine indelebili per gli appassionati di tutto il mondo. Onore a Van der Poel, che ha vinto in casa. E onore a Van Aert, che è sempre lì davanti a lottare. Ci vediamo presto su strada.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *