Valverde: “Sì, ho pensato di tornare a correre”

Alejandro Valverde, dopo poco più di un anno dal suo ritiro, riflette sul giorno in cui ha appeso la sua bicicletta da corsa al chiodo al termine de il Lombardia. Da allora, lo spagnolo è rimasto coinvolto nel mondo del ciclismo, partecipando a competizioni gravel e assumendo il ruolo di consulente per la squadra Movistar. Tuttavia, la nostalgia per la competizione non lo ha abbandonato, come ha rivelato in un’intervista a El Pais.

“Il ciclismo e l’agonismo erano la mia passione, e mi sentivo ancora un corridore di alto livello. All’inizio è stato difficile, e quando è iniziata la stagione, ho considerato se avessi interrotto la mia carriera troppo presto. Non nego di aver pensato di tornare alle corse e ho discusso la questione con Unzué, ma lui ha deciso di bloccarmi. Eusebio aveva ragione, quale sarebbe stata la necessità?”

Valverde ha spiegato che continuerà a essere coinvolto nelle corse in veste di consulente, mentre posticipa al prossimo anno l’opzione di ottenere la qualifica di direttore sportivo. “Devo ancora valutare le mie opzioni, per ora ho il ruolo di consulente per la squadra nazionale. La qualifica UCI potrebbe arrivare forse tra un anno”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *