Delfinato 2024, quinta tappa neutralizzata per maxi caduta – VIDEO

delfinato 2024 caduta

La quinta tappa del Giro del Delfinato 2024 si è conclusa senza un vincitore a causa di una maxi-caduta avvenuta a poco più di 20 chilometri dal traguardo di Saint-Priest. La caduta ha coinvolto oltre metà del gruppo, costringendo la direzione di corsa a neutralizzare inizialmente la gara. Dopo circa mezz’ora di stop, la direzione ha deciso di annullare definitivamente la tappa, poiché le ambulanze erano tutte impegnate con i corridori feriti e non erano disponibili per garantire la sicurezza negli ultimi chilometri. I ciclisti hanno quindi proseguito fino al traguardo a velocità controllata, senza battaglia per la vittoria e senza registrare distacchi. Le classifiche rimangono invariate, con Remco Evenepoel (Soudal-QuickStep) che mantiene il comando della generale con 33 secondi di vantaggio su Primoz Roglic (Bora-hansgrohe), entrambi coinvolti nella caduta ma senza conseguenze gravi.

La corsa aveva preso il via con una fuga immediata di Mathis Le Berre (Arkéa-B&B Hotels) e Tobias Bayer (Alpecin-Deceuninck), formata già dal chilometro zero. Ådne Holter (Uno-X Mobility) si è unito poco dopo, mentre il gruppo principale lasciava andare i fuggitivi. Quando il distacco ha raggiunto il minuto, alcune accelerazioni hanno cercato di ridurlo, ma senza successo, nonostante alcuni corridori faticassero in coda. Il gruppo ha poi iniziato a controllare la situazione grazie al lavoro di Decathlon Ag2r La Mondiale e Lidl – Trek, stabilizzando il gap attorno ai tre minuti.

Con l’ingresso nei cento chilometri finali, il gruppo ha cominciato ad avvicinarsi, ma la pioggia ha complicato le cose e gli inseguitori hanno preferito non rischiare, concedendo nuovamente quattro minuti. Dopo il secondo GPM, il gruppo ha accelerato, riducendo il distacco ai piedi della terza salita di giornata a meno di due minuti. La pioggia ha giocato un ruolo cruciale, specialmente in discesa, dove Holter è andato in difficoltà, lasciando Bayer e Le Berre a condurre. Bayer ha staccato Le Berre, che è poi rientrato in pianura.

Il distacco è tornato a sfiorare i due minuti, ma una caduta in coda ha rallentato i battistrada. Il gruppo ha ridotto ulteriormente il gap fino a soli trenta secondi allo scollinamento dell’ultimo GPM. Durante la discesa successiva si è verificata la maxi-caduta che ha coinvolto metà del gruppo del Delfinato 2024, portando alla definitiva neutralizzazione della tappa.

Thierry Govenou, direttore di corsa, ha spiegato la situazione: “Circa 50 corridori sono caduti. Dopo una decina di minuti abbiamo fatto il punto con il servizio medico, che era strapieno, malgrado le cinque ambulanze che avevamo in carovana. Non erano sufficienti, quindi bisognava chiamare altre ambulanze per poi sperare di poter ripartire, e serviva molto tempo. I corridori erano sotto la pioggia e a quel punto con la giuria abbiamo deciso di prendere questa decisione di neutralizzare e di arrivare al traguardo in passerella. Abbiamo ascoltato i corridori, ma prima di tutto contava il parere dei medici, che ci hanno fatto capire serviva molto tempo per avere le ambulanze e poter ripartire. Abbiamo ascoltato i corridori, ma è stato il fatto che il servizio medico fosse oberato che ci ha impedito di ripartire. È inoltre anche difficile ripartire così vicini dall’arrivo. Penso che siamo arrivati ad un momento critico per il quale abbiamo delle bici così affinate che appena c’è un problema meteo o di strade non proprio in perfetto stato capitano cadute o momenti difficili e questo ovviamente diventa un problema”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *