Evenepoel: “Venerdì è stata solo una brutta giornata”

Dall’inferno al paradiso: Remco Evenepoel ha dimostrato che la brutta crisi nella tappa del Tourmalet non era altro che una brutta giornata. Il belga è apparso molto emozionato dopo la vittoria di tappa ottenuta sabato a Larra-Belagua.

Dopo il traguardo al termine della tappa di ieri, Evenepoel è stato sopraffatto dalle emozioni e ha lasciato scorrere liberamente le lacrime. “Venerdì sul Tourmalet ho avuto una giornata e una serata molto difficili. Non sono riuscito a dormire molto e ho passato una notte molto brutta. Mi preoccupavo continuamente e mi svegliavo ogni ora. Avevo molti pensieri negativi”, spiega Evenepoel. “Ho chiamato anche Oumi (sua moglie, ndr). Ho detto che non volevo più continuare, ma mi ha detto di continuare a provarci e di farlo per lei. Ha funzionato. Non avrei potuto farcela senza il suo sostegno e quello dei dirigenti e compagni di squadra. Hanno continuato a credere in me e dicevano costantemente “un vero campione risponderà sempre”. Questo successo è per tutti coloro che continuano a credere in me. E non è ancora finita”.

“Rispondere con i pedali. Questo avevo in mente alla partenza. Quando mi sono alzato mi sentivo abbastanza fresco e ho pensato che forse sul Tourmalet era semplicemente una brutta giornata. È un peccato quello che mi è successo venerdì. Ma ora mi trovo in una nuova situazione con nuovi obiettivi. E ha funzionato immediatamente. Possiamo continuare a costruire su questo”.

All’attacco fin dall’inizio, per poi arrivare da solo 150 chilometri dopo. “La prima ora è stata a tutto gas, ma mi sentivo molto bene. All’inizio ero solo nel gruppo di testa, poi poi si è unito il mio compagno di squadra Mattia Cattaneo che ha subito preso il ritmo sulla prima salita. Poi ho risposto all’attacco di Juan Pedro López e ho continuato con Romain Bardet. Abbiamo ampliato il divario in discesa”, così Evenepoel racconta la corsa.

“Io e Romain abbiamo lavorato molto bene insieme. Penso di poter essere molto orgoglioso di questa vittoria”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *