Gand-Wevelgem 2024, Roodhooft: “Mathieu doveva essere meno esuberante”

“Mathieu doveva essere meno esuberante nella sua condotta di gara”. Sono le parole di Philip Roodhooft, team manager della Alpecin-Deceuninck, dopo il secondo posto di Mathieu Van der Poel alla Gand-Wevelgem 2024. Il corridore olandese ha chiuso in seconda posizione alle spalle di Mads Pedersen dopo un bel duello che si è concluso allo sprint, con il danese che ha battuto il campione del mondo allo sprint.

Nel finale della Gand-Wevelgem, Van der Poel è apparso senza energie, al punto tale da aver interrotto la volata a pochi metri dal traguardo, smettendo di pedalare. Eppure, nella prima parte di gara, l’olandese ha fatto il bello e il cattivo tempo, portando via la fuga principale, nella quale erano presenti Jonathan Milan e Mads Pedersen, chiudendo su ogni loro azione.

“Sarebbe stato bello se Mathieu avesse vinto, ma penso che possiamo e dobbiamo essere soddisfatti della gara di oggi. Non c’è vergogna nell’essere battuti da Mads Pedersen. Mathieu forse avrebbe potuto essere meno generoso negli sforzi strada facendo, ma nessuno dice che il risultato sarebbe stato diverso. Penso che abbia fatto una buona gara, che avrebbe potuto essere un po’ meno esuberante. Ma non dobbiamo necessariamente vederlo come qualcosa di negativo. Anche venerdì scorso ha fatto un grande sforzo”.

Per quanto riguarda il Giro delle Fiandre, Roodhooft non ha dubbi:  “Se vediamo il Pedersen di oggi e quello di venerdì, è una storia completamente diversa. Si dà il caso che dopo venerdì i commentatori fossero irremovibili sul fatto che ci fossero solo due favoriti per il Fiandre. Pedersen ha dimostrato che questa idea può essere gettata nella spazzatura. Oggi si è presentato come candidato a pieno titolo per vincere domenica prossima. Ciò garantisce che anche la Lidl-Trek si assumerà la responsabilità della corsa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *