Giro 2024, Pogacar dopo Cusano Mutri: “Tiberi ha le palle per attaccare”

Pogacar Cusano Mutri

“Solo Tiberi ha le palle per attaccare”. Tadej Pogacar, dopo Cusano Mutri, veste ancora la maglia rosa. La fuga è andata via e solo Antonio Tiberi, nel finale, ha provato ad attaccarlo. “Tiberi è stato il solo a dimostrare coraggio finora, è molto forte. Ha provato a fare un’azione e credo che continuerà così nelle prossime tappe di montagna. È stato l’unico a provarci nelle ultime due tappe di salita. Devo ammettere che Tiberi è stato coraggioso. Auguro a lui di avere buone gambe nei giorni a venire”.

Riguardo la giornata di Cusano Mutri, Pogacar ha spiegato: “È stata una tappa difficile e veloce. Le condizioni meteorologiche sono cambiate continuamente, passando dal caldo all’umido e infine al freddo. È stata una giornata strana, ma la squadra è stata brava a sopravvivere. Abbiamo lasciato andare la fuga e mantenuto un ritmo costante. Altre squadre, come la Bahrain-Victorious, hanno lavorato molto sulla salita finale, il che è stato ottimo per noi”.

Nell’augurarsi che i prossimi due giorni possano essere più tranquilli, in quanto le tappe sono per velocisti, Pogacar si attende tanti altri attacchi: “Dobbiamo essere pronti ad affrontare gli attacchi di tutti gli altri corridori, anche se forse non saranno così decisi come Antonio. Dobbiamo correre come abbiamo fatto oggi, perché alla fine è solo l’ultimo giorno che conta per la vittoria, e questo vale per tutti”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *