Incidente in bici per chef Gordon Ramsay

Gordon Ramsay bici

Gordon Ramsay ha recentemente condiviso un video sui social media in cui racconta un brutto incidente in bicicletta che ha avuto. Il celebre chef ha sottolineato l’importanza di indossare il casco, dicendo: «Indossate il casco. Io sono fortunato a essere ancora vivo. Il casco mi ha salvato la vita». Rivolgendosi in particolare ai papà, in occasione della festa del papà negli Stati Uniti il 16 giugno, ha aggiunto: «Mettetevi in sicurezza con il casco anche quando uscite in bici con i vostri figli». Ramsay ha mostrato un livido nascosto sotto la casacca e ha ammesso di provare ancora dolore, ma sta superando lo spavento.

Nel video in cui racconta l’incidente in bici, Gordon Ramsay ha spiegato di non aver riportato fratture, ma solo escoriazioni e una grande botta sul fianco sinistro: «Questa settimana ho avuto un incidente davvero brutto mentre ero in bicicletta nel Connecticut. Sto bene. Non mi sono rotto le ossa né ho riportato ferite gravi, ma sono un po’ ammaccato e sembro una patata viola».

Ha espresso gratitudine verso i medici, infermieri e il personale del Lawrence + Memorial Hospital di New London, Connecticut, che si sono presi cura di lui. Ha ribadito la sua gratitudine soprattutto per il casco che gli ha salvato la vita, concludendo con un augurio di buona festa del papà a tutti, visto che negli Stati Uniti si festeggia il 16 giugno, e un invito a non trascurare la propria sicurezza.

L’incidente di Gordon Ramsay in bici è stato un promemoria importante sull’importanza della sicurezza durante le attività sportive. Nonostante il dolore e le contusioni, Ramsay ha potuto evitare conseguenze più gravi grazie al casco. Questo episodio sottolinea quanto sia cruciale l’uso del casco per prevenire lesioni potenzialmente letali, un messaggio che lo chef ha voluto trasmettere con forza ai suoi follower, specialmente a quelli che sono genitori.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *