Mondiali pista

Last Updated on 06/08/2023 at 8:00am by Carlo Gugliotta

L’Italia del ciclismo su pista conferma di essere sempre ai vertici mondiali. Il quartetto azzurro composto da Francesco Lamon, Manlio Moro, Jonathan Milan e Filippo Ganna si sono dovuti arrendere solo alla Danimarca, in una gara che è sembrata una sorta di rivincita dopo la finale dei Giochi Olimpici di Tokyo.

Negli ultimi tre anni, l’Italia è quindi riuscita a conquistare un oro olimpico, un mondiale nel 2021 e due medaglie d’argento: lo scorso anno Ganna e soci hanno dovuto cedere il passo solo alla Gran Bretagna, quest’anno alla Danimarca. Marco Villa e gli altri ragazzi hanno tempo un anno per fare quell’ulteriore passo in avanti che potrebbe portare al sogno di riconquistare l’oro olimpico, ma quello che è certo è che i nostri ragazzi sono sempre ai vertici del ciclismo mondiale.

Storica è stata la medaglia di bronzo vinta da Claudia Cretti pochi minuti prima dell’argento ottenuto dal quartetto. L’azzurra è sul podio della categoria paralimpica C5, è la sua prima medaglia mondiale nel ciclismo su pista ed è stata anche la prima di tutta questa spedizione azzurra alla rassegna iridata di Glasgow. Battuta la britannica Newberry: “E’ stata una grande fatica ma sono felice di aver portato a casa questa medaglia – ha spiegato Cretti – sono davvero molto felice. Anche quando ero in coma sentivo le ruote che mi giravano in testa”. La sua storia ha commosso tutti: l’incidente al Giro Donne del 2017 l’ha fatta lottare a lungo tra la vita e la morte.

ByCarlo Gugliotta

Giornalista e speaker, direttore del sito web https://ultimochilometro.it, autore di diversi libri riguardanti il mondo del ciclismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *