Quale futuro per Mark Cavendish? Una piccola Continental si fa avanti…

E’ sempre più incerto il futuro di Mark Cavendish. Il campione britannico sarebbe dovuto essere uno dei corridori della B&B Hotels per il 2023, ma la squadra non si farà, come è stato annunciato solo pochi giorni fa. Tra i tanti nomi dei corridori che avrebbero dovuto gareggiare nella formazione transalpina, quello di Cavendish è senza dubbio quello più importante, visti i tanti trionfi che ha ottenuto in carriera e il recente rilancio con la QuickStep-AlphaVinyl, formazione con la quale lo scorso anno ha superato il record assoluto di vittorie al Tour de France, che fino ad allora apparteneva ad Eddy Merckx.

Il sogno di Cavendish è quello di poter prendere parte ancora al Tour de France, dopo che lo scorso anno Patrick Lefevre aveva deciso di puntare su Fabio Jakobsen per le volate. Ad oggi, però, sembra davvero impossibile che una formazione World Tour possa ingaggiare il britannico, che prima di tornare alla corte di Lefevre aveva passato diversi anni bui tra la Dimensione Data e la Bahrain Victorious.

Sulla carta è molto probabile che il Cav possa accasarsi in un team professional, soprattutto se le sue pretese economiche si abbassassero un po’. Il problema è che le formazioni francesi, maggiormente accreditate per ricevere l’invito a partecipare al Tour de France, hanno gli organici ormai tutti al completo, e l’ingaggio di Cavendish sposterebbe molto gli equilibri all’interno di formazioni che stanno già lavorando in gruppo in vista della prossima stagione.

Nel frattempo, Ricci Pascoe, general manager del team Continental britannico Saint Piran, si è offerto di aiutare Mark Cavendish offrendogli un posto in squadra fino al momento in cui non riuscirà a trovare un accordo con una formazione più importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *