Van der Poel lascia il ciclocross? “Ho ancora dei dubbi”

Van der Poel

Mathieu Van der Poel lascia il ciclocross? No, ma sta sicuramente valutando l’idea di prendersi un anno sabbatico, o forse anche due. La notizia esce a pochi giorni dal mondiale di ciclocross che si svolgerà a Tabor, dove il campione del mondo potrebbe riconfermarsi iridato nella specialità che lo ha visto emergere prima di iniziare a imporsi anche nelle grandi classiche monumento su strada.

Van der Poel lascia il ciclocross? “Deve avere senso”

La dichiarazione di Mathieu Van der Poel è stata pubblicata dalla rivista olandese Wielerflits: “Non ho ancora preso una decisione. Se dovessi avere ancora piacere, continuerò a farlo. Ma, soprattutto, deve avere un senso. Anche quest’anno ci ho pensato a lungo e alla fine ho deciso comunque di affrontare la stagione di ciclocross. Potrei stare anche un paio d’anni senza fare ciclocross e poi ricominciare”.

A caccia del mondiale

Mathieu Van der Poel cercherà di riconfermarsi campione del mondo a Tabor, in Repubblica Ceca, mentre per la prossima primavera si è posto un obiettivo molto ambizioso, quello di provare a vincere la Liegi-Bastogne-Liegi. Una classica che, sulla carta, è poco adatta alle sue caratteristiche, ma il portacolori della Alpecin-Deceuninck si è posto dei suoi obiettivi dopo essersi già imposto in carriera alla Milano-Sanremo, alla Parigi-Roubaix, due volte al Giro delle Fiandre e al mondiale in linea. Qualora dovesse riuscire nell’impresa di vincere la Liegi, sarebbe scontato tentare nei prossimi anni l’assalto a Il Lombardia, la classica con un dislivello impegnativo per un corridore con il fisico di Van der Poel.

Van der Poel: “Potrei lasciare il ciclocross e ricominciare dopo un paio d’anni”

Nell’intervista, Mathieu Van der Poel ha spiegato anche che “Affrontare un’ora di ciclocross non è il tipo di allenamento che può servire in primavera. Mi piacerebbe poter trascorrere un intero inverno in Spagna. Soprattutto per la tranquillità. Una gara di ciclocross è molto dispendiosa sotto tutti i punti di vista. Potrei lasciare il ciclocross e ricominciare dopo un paio d’anni”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *