Van Hooydonck, aritmia in otto mesi: “Forse mi sono allenato troppo?”

Van Hooydonck aritmia

Nathan Van Hooydonck è tornato a parlare pubblicamente dopo l’incidente avvenuto lo scorso settembre. Il corridore della Jumbo-Visma era al volante della propria auto con al fianco la propria compagna incinta quando è rimasto vittima di un malore. Rianimato, sia lui che la compagna sono riuscito a tornare a casa senza alcuna complicazione, ma il corridore non potrà più gareggiare in quanto gli è stato impiantato un defibrillatore interno.

La vicenda ricorda quella avvenuta a Sonny Colbrelli, ma più in generale nell’ultimo periodo non sono pochi i corridori che sono stati costretti a fermarsi per problemi cardiaci. In un’intervista rilasciata a NOS, secondo quanto riportato da SpazioCiclismo, Van Hooydonck si è posto delle domande: “Forse mi sono allenato troppo? Me lo sono sempre chiesto. Ma non penso che sia questo il motivo. È anche vero che da dopo lo stop per il Covid c’è un modo diverso di correre in gruppo. I finali iniziano prima, a volte si corre in condizioni molto difficili. Quaranta gradi e continuiamo a pedalare. Non è salutare”.

Secondo quanto è stato rilevato dai medici che hanno visitato Van Hooydonck dopo il problema cardiaco, l ventricolo destro del cuore era sovradimensionato. Questo problema non era presente nel corso della visita medica che viene svolta prima dell’inizio della stagione: l’aritmia è quindi subentrata nel corso degli ultimi otto mesi.

“Vale la pena indagare a fondo. Vorrei sapere cosa mi è successo, soprattutto per i miei compagni di squadra e altre persone che praticano sport di alto livello. Affinché sappiano: può succedere questo se fai questo o quello. Per ora è un mistero“.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *