Van Hooydonck costretto a ritirarsi per anomalia cardiaca

Van Hooydonck

Nathan Van Hooydonck è costretto a smettere di andare in bicicletta a causa di problemi cardiaci. Il corridore belga della Jumbo-Visma è stato colpito da un problema cardiaco la scorsa settimana. L’episodio è ancora nella memoria di tutti: il corridore era al volante della propria auto al fianco della sua compagna incinta. Mentre stava guidando ha avuto un problema cardiaco e ha perso i sensi, causando un brutto incidente con quattro auto coinvolte.

In un primo momento si era temuto anche per la sua vita, ma già la sera la Jumbo-Visma ha reso noto che Van Hooydonck stava molto meglio. Oggi gli è stato permesso di lasciare l’ospedale, ma gli è anche stata tolta la possibilità di essere ancora un corridore professionista.

In un comunicato, la Jumbo-Visma ha reso noto che Van Hooydonck ha un’anomalia del muscolo cardiaco. Il problema è diventato quasi fatale per lui quando era in macchina e stava andando in ospedale con sua moglie incinta. Come avvenuto per Sonny Colbrelli, gli è stato impiantato un pacemaker, che consente di correggere i disturbi cardiaci. Il ciclismo professionistico non è quindi più possibile.

In una prima dichiarazione, Van Hooydonck spiega: “Mi rendo conto di essere stato incredibilmente fortunato. Se non avessi ricevuto un aiuto così rapidamente, le cose sarebbero potute andare diversamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *