Europei Pista – Milan oro nell’inseguimento

Jonathan Milan torna sulla pista di Grenchen a distanza di due anni e si riprende il titolo europeo dell’inseguimento in una finale al cardiopalmo contro il favorito Bigham. In testa a inizio gara, il friulano di Tolmezzo, 23 anni ad ottobre, attende l’ultimo chilometro per dare vita ad una rimonta che conclude con oltre 1” di vantaggio (4:03.744 contro i 4:05.860 dell’inglese). Per lui si tratta del secondo titolo continentale in questa edizione degli Europei, dopo quello di ieri nell’inseguimento a squadre. L’Italia dell’inseguimento si conferma paese di riferimento, anche grazie al settimo posto di Manlio Moro che, nelle qualifiche, corre in 4’12”023.

Si muove quindi il medagliere per la Nazionale guidata da Marco Villa. Sono tre i titoli continentali conquistati in tre giorni di gare. Lo stesso bottino di ori della ricca (dal punto di vista di risultati) trasferta di Monaco dello scorso anno.

Velocità uomini – Si chiude il torneo di velocità per i due italiani gara già questa mattina. Nei 200 metri lanciati Mattia Predomo è 18° (10”098), Stefano Moro 21° (10”205). Moro esce ai sedicesimo, contro il polacco Sarnecki mentre Predomo supera Martinez Chorro per uscire agli ottavi, contro l’israeliano Yakovlev (battuto una settimana fa in Portogallo). Il talento di Bolzano si lascia sorprendere dall’avversario che prende la testa ai 500 metri e non gli permette il recupero.

Scratch uomini – Gara vinta dal britannico Oliver Wood, davanti all’olandese Eefting e al francese Grondin. Mattia Pinazzi non conclude la prova.

Omnium donne (ancora in corso, segue aggiornamento)

Bettiniphoto/SprintCycling

GLI AZZURRI IN GARA SABATO 11

500 M – Miriam Vece e Giada Capobianchi
Omnium – Elia Viviani
Inseguimento donne – Martina Alzini e Vittoria Guazzini
Corsa a punti donne – Silvia Zanardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *