Giro di commenti – La Ineos non parte battuta, anzi!

Ineos Giro

L’edizione numero 107 del Giro d’Italia, alla vigilia, è sembrata un libro già scritto, letto e riletto. Tadej Pogacar al via, non c’è Jonas Vingegaard, quindi chi può impensierire lo sloveno? Oggi abbiamo avuto la risposta: la Ineos-Grenadiers. Siamo solo alla prima tappa, per carità: Pogacar può tranquillamente vincere la corsa rosa, ha altre 20 tappe a disposizione ed è il corridore più forte al via. Ma come squadra, la Ineos-Grenadiers non deve dimostrare nulla a nessuno, e la vittoria di Narvaez ne è la dimostrazione.

Si è detto spesso che il team britannico potrebbe non vincere il Giro perchè punta su un corridore di 38 anni, che si chiama Geraint Thomas. Bisogna però fare un monumento a questo ragazzo, che alla sua età non vuole ancora andare in pensione, anzi è ancora lì a lottare con un ragazzino di 25 anni che vince a destra e a sinistra. Per chi non ha seguito il Tour of the Alps, è giusto sottolineare che in quella circostanza la squadra ha dimostrato di essere in un’ottima condizione di forma.

Pogacar parte quindi favorito per il Giro d’Italia, ma la Ineos-Grenadiers non parte battuta. Oggi Narvaez è stato autore di un capolavoro sulla salita finale e ha conquistato tappa e maglia rosa: domani si sale, la UAE Team Emirates deve fare la voce grossa, ma la vittoria non si porta mai da casa. Se c’è un’indicazione che è arrivata da questa prima tappa, è che la concorrenza a Pogacar può esserci, almeno in tappe del genere. Poi magari domani rifila due minuti a tutti, ma per ora c’è ancora speranza per gli avversari.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *