Il Giro torna in Italia: a Cassano Magnago si va verso la volata

Cassano Magnago

Dopo la tanto discussa frazione di ieri a Crans Montana, ridotta a soli 75 km, il Giro d’Italia questa mattina ripartirà dalla Svizzera per tornare sul suolo italiano. Cassano Magnago, località natale di Ivan Basso, attende la corsa rosa in una tappa che verosimilmente si chiuderà in volata.

Tappa con una salita impegnativa all’inizio seguita da 150 km tra discesa e pianura. Si scala il Passo del Sempione. Da segnalare diverse gallerie durante la discesa impegnativa che riporta in Italia. Prima parte dal confine fino al Lago Maggiore su strade ampie e rettilinee seguita dalla costiera del lago più articolata. Dopo Sesto Calende inizia il finale un po’ più nervoso, ma sempre su strade in buono stato. Si segnalano i consueti ostacoli alla velocità di circolazione nei centri abitati.

Finale in gran parte dentro centri abitati con attraversamenti mediamente agevoli. Strade rettilinee con poche curve. Ultimo chilometro a Cassano Magnago tutto in leggera salita poco sotto il 3%. Rettilineo finale di 300 m su asfalto largo 8 m. La partenza della tappa è prevista per le ore 12.

L’arrivo è posto a pochi metri dalla casa di Ivan Basso. E’ quindi possibile che la Eolo-Kometa voglia provare qualche attacco a sorpresa, soprattutto con Vincenzo Albanese, velocista di riferimento. La formazione di Basso e Contador ieri ha corso con il liuto al braccio per celebrare la scomparsa del giovane ciclista spagnolo Arturo Gravalos, che ieri ha perso la vita dopo che nel 2021 gli era stato diagnosticato un tumore al cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *