Tour 2024, Pogacar: “Dieci giorni fa ho avuto il Covid”

Pogacar Oropa

Tadej Pogacar ha rivelato di aver contratto il Covid-19 nelle settimane precedenti il Tour de France 2024, ma fortunatamente si è ripreso in tempo per partecipare alla competizione. Il ciclista sloveno dell’UAE Team Emirates ha condiviso la sua esperienza durante una conferenza stampa pre-Tour, spiegando che l’infezione è avvenuta circa dieci giorni prima dell’evento.

Negli ultimi tempi, il Covid-19 è tornato a colpire duramente il gruppo dei ciclisti, costringendo alcuni a ritirarsi dal Tour. Tra i contagiati ci sono stati David Gaudu della Groupama-FDJ, Mads Pedersen e Tao Geoghegan Hart della Lidl-Trek, e Sepp Kuss del team Visma | Lease a Bike. Questi ultimi due sono stati costretti a rinunciare alla partecipazione alla Grande Boucle a causa del virus. Pogacar, invece, è riuscito a riprendersi completamente e sarà presente alla partenza del Tour.

Durante la conferenza stampa, Pogacar ha raccontato il suo calvario con il Covid-19: “Dieci giorni fa ho avuto il Covid. Mi sono ammalato e mi sentivo molto stanco. Per questo, c’era qualche punto interrogativo, ma mi sono ripreso molto bene dal contagio da Covid. Alla fine non è stato un grosso problema. Onestamente, mi sento benissimo adesso”.

Mentre il team Visma | Lease a Bike ha reintrodotto un protocollo anti-Covid, e Remco Evenepoel della Soudal-QuickStep ha partecipato alla conferenza stampa con la mascherina, Pogacar sembra meno preoccupato dal virus. Secondo lui, il Covid-19 non è più una minaccia così grave, soprattutto per chi lo ha già contratto in passato: “Il Covid non è più un problema così grave. Soprattutto se il tuo corpo ha già trasportato il virus in precedenza. L’ho già avuto prima, forse più di una volta. Il tuo corpo quindi si abitua. Non è stato troppo pesante, ma più simile a un raffreddore. Sono rimasto senza bici solo per un giorno, poi ho pedalato al chiuso sui rulli. E quando non mi sono più sentito male, ho ricominciato a pedalare fuori”.

Pogacar ha spiegato che, nonostante la stanchezza iniziale causata dal virus, il suo recupero è stato rapido e ha potuto riprendere l’allenamento quasi immediatamente. Ha trascorso solo un giorno senza bicicletta e poi ha continuato a mantenere la forma fisica pedalando sui rulli al chiuso. Una volta sentitosi meglio, è tornato ad allenarsi all’aperto, dimostrando una notevole capacità di recupero e adattamento.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *