Pogacar riparte dalla Liegi: “La sfida non sarà solo con Van der Poel”

accoppiata giro tour

Tadej Pogacar è convinto: alla Liegi-Bastogne-Liegi 2024, la sfida non sarà solo con Mathieu Van der Poel. Lo scorso anno, Pogacar è caduto nei primi chilometri della Doyenne, e la frattura della mano ha influenzato anche la preparazione verso il Tour de France, ma non incolpa l’organizzazione. “No, è stata completamente colpa mia. Quando Mikkel Honoré è caduto proprio davanti a me, non sono riuscito a reagire. Non posso attribuire la colpa a nessun altro. E le strade dissestate sono ovunque qui in Vallonia. Non abbiamo il privilegio di correre solo su asfalto liscio.”

Durante la ricognizione del percorso, Pogacar ha potuto constatare nuovamente la cattiva qualità delle strade in Vallonia. Dopo un periodo di allenamento in altura a Sierra Nevada, Pogacar è tornato a Monaco per alcuni giorni, dove ha completato gli ultimi allenamenti sotto un sole cocente e temperature intorno ai venti gradi. In Belgio, invece, ha trovato il freddo: “era sopportabile. Ho trovato che fosse gestibile. Abbiamo fatto una bella pedalata. Mi piace fare la ricognizione della Liegi ogni anno. È la quinta volta che partecipo a questa classica e ogni volta non vedo l’ora di percorrere queste strade. Anche con questo tempo pessimo. Abbiamo semplicemente pedalato forte, così il freddo si sente meno.”

A casa a Monaco, mercoledì ha seguito la Freccia Vallone in televisione. “Non rimpiango di aver saltato questa classica. È stato terribile vedere i ragazzi correre sotto la neve e la pioggia. Tuttavia, penso che quella dura giornata non avrà molta influenza sul risultato di domenica. Dopo qualche giorno, tutti si riprendono completamente da una giornata del genere.”

A Liegi, domenica, tutti attendono il duello tra Pogacar e Van der Poel. Il corridore olandese ha vinto sei classiche monumento, una in più dello sloveno. “Mi piace correre contro Mathieu, anche se domenica dovrò tenere d’occhio tanti corridori oltre a Mathieu. Questa classica è più adatta agli scalatori che a un corridore più pesante come lui. Ma sappiamo che è capace di tutto. Sarà una gara aperta. Ogni anno Mathieu mostra cose incredibili. Sembra che quest’anno, con la maglia iridata, sia ancora meglio degli anni precedenti. Sceglie le sue corse e nei momenti più importanti è sempre al massimo livello”.

Quest’anno, mentre Pogacar ha vinto la Strade Bianche dopo una fuga solitaria di 80 chilometri, Van der Poel ha vinto Parigi-Roubaix dopo una fuga solitaria di 60 chilometri. “Ora la gente si aspetta sicuramente che uno di noi due attacchi già a cento chilometri dalla fine”, scherza Pogacar. “Ma non è realistico. la Liegi-Bastogne-Liegi non è come la Strade Bianche o la Roubaix. Le salite più dure arrivano verso la fine. Se attacchi troppo presto, la gara diventa molto difficile.”

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *