Roglic: “Avrei lasciato la Jumbo anche se avessi vinto la Vuelta”

Roglic Jumbo

Primoz Roglic torna a parlare del suo addio alla Jumbo-Visma, il quale, a detta di molti, sarebbe nato durante la Vuelta vinta da Sepp Kuss. Il corridore sloveno ha rilasciato un’intervista nella quale ha spiegato il suo rapporto con Jonas Vingegaard e con l’americano: “Mi è sembrato strano non lottare per la vittoria finale, ma chi più di Sepp avrebbe meritato di vincere in Spagna? Qualche anno prima ho insegnato tutto sia a lui che a Jonas, ora per me loro sono i numeri uno e due. Me ne sarei andato anche se avessi vinto la Vuelta perchè ora ho maggiori opportunità di raggiungere il mio grande obiettivo, il Tour de France”.

Quest’anno lo sloveno non ha preso parte alla Grande Boucle, puntando tutto sul Giro d’Italia. La maglia rosa è arrivata al termine della penultima tappa, con una grande festa finale il giorno seguente a Roma. L’anno prossimo, con la maglia della Bora-hansgrohe, cercherà di conquistare l’unico grande giro che gli manca in carriera: “Ho maggiori opportunità di raggiungere ciò per cui sto ancora combattendo, e se non dovessi farcela non mi pentirei lo stesso”.

“Ho raggiunto il massimo livello possibile con la Jumbo – ha spiegato Roglic – non importa quanto fossi felice sul podio a Madrid. Spero di essere ancora più felice nelle foto future”.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *