Van Aert: “Spero che i tifosi abbiano apprezzato la mia primavera”

Due podi in due anni per Wout Van Aert alla Parigi-Roubaix. Lo scorso anno aveva chiuso secondo alle spalle di Dylan Van Baarle, quest’anno terzo dietro Van Der Poel e Philipsen.

Ma il podio di quest’anno ha davvero un sapore amaro: la foratura all’uscita del Carrefour de l’Arbre è stato il momento decisivo in una lotta nella quale l’olandese e il belga sembravano essere quasi alla pari.

“Ovviamente ho forato molte volte in carriera, ma mai in un momento simile”, ha detto Van Aert a Sporza con un sorriso amaro. “Per ora, l’inferno del Nord rimane maledetto per me. In realtà sai subito che è finita, con una foratura in quel momento prendi subito 20 o 25 secondi, è come spegnere l’interruttore. Non puoi rimediare con un Mathieu van der Poel al top della forma”.

Van Aert ha corso la Parigi-Roubaix con il dolore alle costole in seguito alla caduta al Giro delle Fiandre. “Sono riuscito a sopportare il dolore e per fortuna non mi ha dato troppo fastidio durante la gara, ora comincia a farmi male. Sono felice di poter concludere la mia primavera con una buona prestazione. Sono orgoglioso di quello che ho raggiunto, ho fatto una grande gara. La grande vittoria non è arrivata questa primavera, ma la vita non è fatta solo di vittorie. Ho provato ancora e ancora a mostrare ciò di cui sono capace e spero che i fan abbiano potuto apprezzarlo”.

La Parigi-Roubaix è stata l’ultima gara della stagione delle classiche per Wout Van Aert. Rivedremo correre il belga della Jumbo-Visma a giugno al Giro del Delfinato al fine di preparare il Tour de France.

Sostieni il lavoro di ultimochilometro.it con una semplice donazione con PayPal. Fai click sul pulsante qui sotto per aiutarci nel nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *